MENU

Il Protestantesimo e lo sviluppo delle scienze in Europa nei secoli XVI e XVII

02/06/2017 • Scienza

Talvolta si nega un rapporto diretto fra la Riforma protestante e la rivoluzione scientifica, oppure ci si limita alla considerazione di un nesso sociologico, si dice cioè che l’impulso allo sviluppo generale della società nord-europea, indotto dalla mentalità protestante, avrebbe favorito anche lo sviluppo delle scienze naturali. Ciò però porta a trascurare il fatto che la Riforma è spiegabile solo nel quadro di una nuova visione teologica che ridefinì completamente il rapporto di Dio con l’uomo e il mondo. Per gli uomini dell’alba della modernità fu di capitale importanza tornare a misurarsi con il significato di parole come “verità” e “certezza” che avevano da poco assunto in teologia nuovi significati che poi sarebbero passati nelle scienze. La rivoluzione scientifica fu un fenomeno molto complesso e senza dubbio alcune sue caratteristiche fondamentali restano in ombra se non si comprende che gli influssi teologici e biblici di un pensiero nuovo, nel quadro della cultura occidentale, vi esercitarono una profonda influenza.

Conferenza tenuta a Genova presso la Fondazione Cultura – Palazzo Ducale il 26 maggio 2017

Traccia

I commenti sono disattivati.

« »